OGNI CERVELLO HA LA SUA DIETA

I 5 alimenti più ricchi di vitamina E

La vitamina E è un nutriente importante nella dieta, che è bene integrare nei modi e nei tempi giusti. Scopri la sua funzione e dove trovarlo
vitamina-e-tocoferolo-cuzzola-nutrizionista

Il tocoferolo, più conosciuto come vitamina E, è una sostanza che il corpo stesso rilascia a piccole dosi nell’organismo quando ne ha bisogno.

Solitamente, per praticità, se ne parla in modo improprio definendolo tocoferolo, mentre nell’altra sarebbe più corretto parlarne al plurale includendo tocoferoli e tocotrienoli, ovvero quelle molecole liposolubili che nell’insieme costituiscono il gruppo della vitamina E.

Normalmente i tocoferoli vengono accumulati nel fegato e nei depositi lipidici del corpo, dunque non è necessario assumerli quotidianamente.

La vitamina E: benefici

L’azione del tocoferolo consente di contrastare l’azione dei radicali liberi e quindi l’invecchiamento cellulare. Questo agisce prevenendo l’ossidazione di alcuni lipidi importanti nelle membrane cellulari (i polinsaturi, ovvero i grassi generalmente definiti “buoni”, e che sarebbe bene consumare) ed evitando la formazione di radicali liberi.

Le conseguenze della carenza di vitamina E possono portare a un rallentamento della crescita nei soggetti giovani, ma anche a malnutrizione, rallentamento del metabolismo e invecchiamento dei tessuti.

In sintesi, parliamo di micronutrienti di fondamentale importanza, che sarebbe bene assumere nelle giuste quantità per il mantenimento del benessere psicofisico.

Quali sono gli alimenti ricchi di vitamina E che dovremmo assumere per mantenerci sani ed energici? Scopriamolo insieme.

La vitamina E negli alimenti:

Olio

La vitamina E è liposolubile, ovvero solubile all’interno di oli e grassi. Infatti si trova soprattutto in alimenti grassi, ed è per questo che i vari oli, d’oliva, di mais, di soia, contengono molti tocoferoli. Anche i semi oleosi, quali mandorle e noci, presentano un buon apporto di tocoferolo.

Verdure a foglia

Spinaci, rucola, cavolo, cicoria sono tutte verdure ricche di vitamina E. Normalmente è più semplice ritrovare quantitativi apprezzabili di questo importante nutriente vitaminico nelle verdure che crescono spontaneamente.

Frutta selvatica

Come vale per le verdure a foglia, sembra che anche i frutti che crescono spontanei siano ricchi di vitamina E. Annoveriamo quindi le more, i lamponi, le fragoline di bosco ecc.

Avocado

Perfetto da gustare in insalata o nel sushi, l’avocado è ricco di grassi monoinsaturi e anche di vitamina E. È particolarmente consigliato nelle diete proteiche in quanto presenta un modesto apporto di proteine e contiene una quantità bassa di zuccheri, oltre a fornire lipidi di ottima qualità che sarebbe bene integrare nella dieta.

Spezie piccanti

Peperoncino, paprika, pepe sono spezie che danno una certa piccantezza ai piatti e che contengono un piccolo apporto di vitamina E. Oltre che avere un’azione antistaminica, questi alimenti possono anche contribuire alla riproduzione cellulare e alla lotta contro i radicali liberi.

Condividi questo contenuto:
nutrizionistacuzzola  
Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.