OGNI CERVELLO HA LA SUA DIETA

Alimentazione e diabete

Alimentazione e diabete si influenzano a vicenda. Uno stile di vita sano contrasta i sintomi del diabete allungando la prospettiva di vita
alimentazione e diabete; benessere psicofisico; alimentazione consapevole; nutrizionista roma; nutrizione consapevole; miglior nutrizionista roma; dr giorgio cuzzola neurobiologo nutrizionista; mindful eating; dieta blog; blog dieta

Alimentazione e diabete: cause e cosa mangiare

Che cos’è il diabete?

Il diabete è una condizione che colpisce il modo in cui il corpo umano produce o usa l’insulina. Questa condizione medica altera il processo metabolico, danneggiando i tessuti e le cellule del corpo.

Questo perché quando l’insulina non viene prodotta o scarseggia, aumenta notevolmente il livello di glucosio nel sangue (la glicemia) fino a livelli che il nostro organismo non riesce a tollerare bene.

Alimentazione e diabete sono due facce della stessa medaglia, in quanto si influenzano costantemente a vicenda.

Ci sono due tipi principali di diabete: il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2.

Diabete di tipo 1

È una patologia autoimmune che porta il pancreas a smettere di produrre insulina. Insorge tipicamente in età giovanile. Non c’è un’unica causa per questa patologia, ma più fattori che possono contribuire alla sua comparsa, come una predisposizione genetica, fattori ambientali o alterazioni immunitarie. I sintomi che iniziano a far sospettare la presenza del diabete di tipo 1 sono tipicamente: eccessiva sete o fame, aumento del volume delle urine, affaticamento e rapida perdita di peso non associata a cambiamenti dietetici.

Diabete di tipo 2

È la forma più comune della malattia e si verifica quando il corpo non produce abbastanza insulina o quando non riesce ad utilizzarla correttamente. Un deficit che porta anche in questo caso ad avere una glicemia troppo elevata. Normalmente colpisce gli adulti, e fattori come sovrappeso e obesità aumentano il rischio che si sviluppi. È una malattia legata allo stile di vita che spesso può essere gestita e contenuta seguendo una dieta sana ed aumentando l’esercizio fisico.

Alimentazione e diabete: cibi da evitare per il diabete

Il diabete può essere prevenuto se si consumano abitualmente gli alimenti giusti, seguendo una dieta sana ed equilibrata.

Una persona con il diabete ha alti livelli di glucosio nel sangue perché il corpo non può utilizzarlo correttamente. Se questa condizione non viene trattata nel modo corretto, i soggetti diabetici possono sviluppare serie complicanze.

Nella dieta di tutti i giorni, gli alimenti da evitare sono quelli che tendono a far aumentare i livelli di zucchero o a causare picchi glicemici dopo essere stati assunti. Sono quindi sempre sconsigliati i cibi molto elaborati, merendine e dolcetti, fast food o cibo spazzatura. Questi alimenti sonno tipicamente poveri di fibre, che invece aiutano a mantenere stabile la glicemia dopo i pasti. Evitare l’assunzione di questi cibi può aiutare a contrastare i sintomi del diabete, allungando la vita alle persone che soffrono di questo disturbo molto diffuso.

L’organizzazione mondiale della sanità consiglia di tenere sotto controllo gli zuccheri assumendo circa l’80% dei carboidrati in forma di amidi (carboidrati complessi), e non più del 20% come zuccheri semplici.

Alimentazione e diabete: la dieta per i diabetici

È consigliabile mangiare cereali integrali, cibi ricchi di fibre (leggi questo articolo per conoscere quali alimenti ricchi di fibre sarebbe bene mangiare).

È altamente consigliato consumare diverse porzioni di verdura durante il giorno anche come spuntino (ad esempio carote, finocchi o cetrioli), giacché apportano un buon quantitativo di fibre rendendo stabile la glicemia. Apportano inoltre micronutrienti fondamentali e aiutano a creare un buon senso di pienezza.

Va bene anche il consumo di frutta, prediligendo quella meno zuccherina e più ricca di fibre (come fragole, pesche, arance, mele con la buccia).

Meglio inoltre scegliere prodotti caseari a basso contenuto di grassi, di zucchero e calorie, come stracchino magro o fiocchi di latte anziché formaggi stagionati.

Inoltre, l’esercizio fisico regolare, soprattutto se aerobico, unito ad uno stile di vita sano, può aiutare a tenere sotto controllo il diabete.

Per le persone diabetiche i vantaggi dell’attività fisica regolare sono molti, come l’aumento della sensibilità all’insulina, la prevenzione delle malattie cardiovascolari, la riduzione del colesterolo cattivo e la perdita di peso. Tutti fattori che nell’insieme migliorano il benessere psicofisico dell’individuo e contribuiscono ad allungarne la prospettiva di vita.

Condividi questo contenuto:

Post Correlati

nutrizionistacuzzola  
Privacy Preferences
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.